Autore
Davide Coral

Davide Coral

Sono l'orgoglioso papà di Mattia ed Emanuele e il felice marito di Sara. Sono anche il co-proprietario di Ecobaby. Amo la mia famiglia e il mio lavoro. Che altro potrei desiderare di più?

Un passaggio fondamentale nella crescita del bambino è l’addio al pannolino. Lo spannolinamento è un passaggio delicato, che per alcuni bambini può essere addirittura traumatico. Ma niente paura: con i nostri dieci consigli per lo spannolinamento facile, tutto sarà semplice 🙂 Spannolinare: scegli il momento giusto Chi ben comincia è a metà dell’opera e mai detto è più azzeccato come in questo caso. Capire quando il bambino è pronto a dire addio al pannolino è il primo passo per un passaggio al WC rapido e indolore. Ma come si fa a capire quando il bambino vuole togliere il pannolino? Per prima cosa fidati del tuo istinto. Se sei tu a prenderti principalmente cura del bambino, saprai entrare in sintonia e capire i suoi scatti evolutivi. E poi prova ad osservare alcuni segnali: al momento del cambio trovi spesso il pannolino asciutto e pulito?il tuo bambino osserva con curiosità quando i…

In queste ore l’Italia è in ansia per il COVID-19, il cosiddetto Coronavirus. Per chi usa i pannolini lavabili ci sono delle attenzioni particolari? Si corre qualche rischio specifico legato a questa malattia? La risposta è NO, ma approfondiamo l’argomento in questo nostro nuovo post. Pannolini lavabili e Coronavirus: c’è pericolo? La prima buona notizia è che i tessuti e gli oggetti, anche se importati dalla Cina, non trasmettono il Coronavirus. Quindi puoi tranquillamente usare i pannolini lavabili, continuare a lavarli come hai sempre fatto, senza temere che ci sia alcun pericolo. Altra buona notizia deriva dal fatto che i nostri bambini sembrano avere delle ottime difese contro il virus che invece risulta piuttosto pericolo per persone anziane e con problemi di salute pregressi. E poi, se hai i pannolini lavabili, non devi nemmeno frequentare luoghi affollati e potenzialmente a rischio come i supermercati e i centri commerciali per acquistare…

La popolazione italiana è una popolazione che invecchia di anno in anno. Assieme a questo processo aumenta la quantità di persone che soffrono di incontinenza dovuta all’età e che necessitano di pannoloni per anziani. Questo problema riguarda circa 6 milioni di cittadini che non sempre trovano le adeguate misure sanitarie per farvi fronte. Anziani e incontinenza: i problemi Lo stato prevede un aiuto agli anziani che soffrono di incontinenza. Attraverso un iter è possibile ottenere una fornitura di pannoloni usa e getta. Tuttavia questa soluzione ha delle lacune, poichè: spesso i prodotti forniti sono di scarsa qualità poichè scelti solo sulla base del risparmio economiconon tengono conto delle specifiche esigenze della persona (grado di assorbenza, fisico, materiali usati…)non sono sufficienti come numerola loro erogazione non tiene conto della situazione specifica della personarichiedono comunque una partecipazione alla spesa Pannolini anziani: la soluzione ecologica Esistono delle alternative più efficaci, economiche ed ecologiche…

Dopo le esperienze di Irene e Claudia, ritorna l’appuntamento con le interviste alle mamme “lavabili”. Alessandra, 28 anni, ha usato fin dal rientro a casa i pannolini lavabili lavabili con il suo primo figlio. Ecco cosa ci ha raccontato. Quando e come hai scoperto i lavabili? Il mio primo approccio al mondo dei lavabili risale a tre anni fa. Una mia cara amica ha cominciato ad usare i pannolini lavabili con la sua bimba di circa 5 mesi e io, avendo spesso la bimba a casa mia, mi sono letteralmente innamorata di questo mondo che riesce a coniugare tanti aspetti importanti. Inoltre, visti i miei problemi di allergia che mi portavano da anni a cambiare continuamente marche di assorbenti, ho deciso di provare quelli lavabili. Da lì sono cominciate le mie ricerche online e ho scoperto il sito di Ecobaby dove ho subito ordinato gli assorbenti Charlie Banana, con i quali…

Nel preciso istante in cui dirai ad amici e parenti che stai considerando l’idea di usare i pannolini lavabili, molto probabilmente incontrerai delle obiezioni (soprattutto da chi non li ha usati! 😉 ). In questo articolo ho raccolto alcune delle obiezioni più comuni, insieme alle risposte più appropriate (abbiamo evitato la risposta “che sciocchezza!” che sarebbe una risposta corretta per ogni obiezione ma che sfortunatamente non vi farebbe vincere la disputa con parenti e amici 🙂 ) Tutti questi luoghi comuni sui pannolini lavabili sono stati trattati anche altrove in questo blog. Li ho raccolti in questo articolo per darti in un’unica pagina gli strumenti per rispondere ai commenti negativi sulla tua scelta. Puoi usare queste risposte “a voce” o puoi linkare e condividere questa pagina per dar modo a chi critica la tua scelta di informarsi, come hai fatto tu. «I pannolini lavabili inquinano come i pannolini usa e…

Sono sempre di più i comuni e le aziende di raccolta e smaltimento dei rifiuti che concedono un contributo per l’acquisto dei pannolini lavabili. Continua a leggere questo articolo per capire se anche tu ne hai diritto, a quanto ammonta e come fare per richiederlo. Perché esiste un contributo per i pannolini lavabili? Smaltire i rifiuti ha un costo che viene pagato dai comuni. A loro volta i comuni incassano questi soldi attraverso la cosiddetta “tassa sui rifiuti”. Le famiglie che scelgono di usare i pannolini lavabili producono una tonnellata circa di rifiuto indifferenziabile in meno rispetto a chi sceglie i pannolini usa e getta. Questi rifiuti hanno un costo per il comune di circa 120/150 euro. I soldi che il comune risparmia grazie alle famiglie virtuose e “lavabili” possono venire erogati sotto forma di contributo. A chi va richiesto? Solitamente sono due gli enti che erogano il contributo per…

È di queste settimane la notizia dell’inaugurazione di un impianto per il riciclo dei pannolini usa e getta, assorbenti igienici e pannoloni per anziani. È arrivato quindi il momento di dire addio ai pannolini lavabili? No, anzi! Vediamo il perché. Riusa, riduci, ricicla! Il famoso motto reduce, reuse, recycle (riduci, riutilizza, ricicla), è più di un mantra ambientalista. È la precisa indicazione di quali siano le azioni da intraprendere e l’ordine nel quale effettuarle, per salvare l’ambiente. Al primo posto c’è la riduzione dei rifiuti, al secondo il riutilizzo e solo al terzo posto il riciclo. Cosa significa? Che il riciclo è “l’ultima spiaggia”, ma sono sempre da preferire azioni di riduzione delle materie prime e di riutilizzo degli oggetti. L’impianto in questione recupera una parte delle materie utilizzate ma non fa nulla riguardo la produzione dei pannolini: un bambino nei suoi primi anni di vita consuma circa una tonnellata di…

Sono 5 milioni le persone che in Italia soffrono di incontinenza. Una situazione che crea disagi e che mette in difficoltà tantissime persone. Lo Stato italiano sostiene una spesa annua di quasi 200 milioni di euro e la cifra è destinata a salire. Ma oltre alle cifre a carico della comunità, sono altri i problemi quotidiani che chi soffre di questo disturbo si trova ad affrontare. Ogni regione fa storia a sé ma per tutti la prescrizione di questi ausili va rinnovata di anno in anno. Inoltre in molte regioni il numero di pannoloni per chi soffre di incontinenza è inadeguato alle effettive necessità. Senza contare che non tutte le ASL prevedono la consegna a domicilio, in molte città la distribuzione avviene tramite le farmacie: per molte persone questo rappresenta un ostacolo insormontabile. Arriviamo poi allo stoccaggio: i pannolini per adulti vengono consegnati trimestralmente e quindi occorre prevedere uno spazio…

L’asciugatrice è un elettrodomestico sempre più comune nelle nostre case. Utile soprattutto nei mesi invernali, può essere una preziosa alleata anche nella gestione dei pannolini lavabili. Occorrono però alcune accortezze, a seconda dei modelli di pannolini che abbiamo nel nostro kit. Pocket e All in One Hai seguito le nostre istruzioni per il lavaggio ma ora ti stai chiedendo: i pannolini lavabili vanno in asciugatrice? La risposta è: dipende. Dipende dal modello, dai tessuti e dal tipo di asciugatura che vogliamo ottenere. La maggior parte dei pannolini lavabili moderni è composta da una parte impermeabile in PUL. Il PUL o PoliUretano Laminato, è un tessuto dalle capacità traspiranti e impermeabili. È in assoluto la parte più “delicata” del pannolino lavabile poichè teme le alte temperature. Una fonte di calore troppo intensa potrebbe provocare la delaminatura del tessuto, causando perdite. Con questo tipo di tessuto sono composti i pannolini poket e gli AIO (all…

Hai letto che i pannolini lavabili fanno risparmiare, ma al momento dell’acquisto… Arrrrrgh! La cifra finale è davvero alta! Per prima cosa devi pensare che non si tratta di un semplice costo ma di un investimento, che si ripaga nel tempo. Si ripaga dal punto di vista economico, ecologico e della salute di tuo figlio. È comunque innegabile che questo investimento iniziale sia piuttosto oneroso, vediamo quindi in questo articolo alcuni consigli per risparmiare con i pannolini lavabili.  Sgombriano subito il campo da ogni dubbio: con i pannolini lavabili il risparmio c’è ed è sensibile. Autorevoli siti hanno confrontato l’impatto economico fra pannolini usa e getta e pannolini lavabili. Questi ultimi permettono un risparmio da due fino a tre volte rispetto all’uso dei pannolini monouso. Ma in questo articolo non parleremo di quanto si risparmi rispetto ai pannolini usa e getta, ma di come ottimizzare l’investimento fatto nei nostri preziosi pannolini lavabili. Infatti l’ammontare del…

Questo è un post diverso da quelli che leggi di solito su questo blog. Non parleremo di tessuti o di un nuovo pannolino. Qui ti riportiamo la nostra esperienza personale di papà e mamma che hanno coniugato (con successo!) gemelli e pannolini lavabili e ti diamo 5 consigli per farcela senza affanni, con un po’ di impegno e una buona organizzazione. Aspetta il momento giusto per iniziare I nostri gemelli sono nati molto prematuri, a 29 settimane gestazionali. Ma è probabile che i gemelli nascano comunque qualche tempo prima dei fatidici nove mesi. Quindi spesso si tratta di bambini con un basso peso alla nascita, che “navigano” anche all’interno del più piccolo degli usa e getta. Senza gettarsi a capofitto sui pannolini new born, puoi aspettare il raggiungimento dei 3.5-4 kg e nel frattempo trovare un equilibrio con tutti gli altri aspetti della nuova famiglia. Allattamento, pisolini, cambi: quando tutto è avviato al meglio,…

Quando pensiamo alla seta, pensiamo ad un tessuto liscio, pregiato, leggero. E se ti dicessimo che esiste un’altra seta, più economica, ruvida al tatto ma ben più preziosa? Il “produttore” di questo filato è lo stesso, si tratta del baco Bombyx mori, un insetto che da secoli è impiegato dall’uomo per le sue caratteristiche di instancabile tessitore. Tutto parte dalle uova, che vengono fatte schiudere a 24°. Dopo di che i bachi iniziano a mangiare foglie di gelso finché il loro ciclo vitale li porta ad iniziare a tessere un bozzolo. Questa protezione si compone di un unico filo di bava, lungo fino a 1500 metri, che l’uomo ha imparato a sfruttare per confezionare capi di abbigliamento. L’utilizzo industriale presuppone l’uccisione del baco, che viene letteralmente cotto al vapore. Questo trattamento non avviene nel caso della seta buretta. La seta buretta è anche chiamata seta grezza (raw silk in lingua inglese), e si ottiene aspettando…