Sono sempre più diffuse e amate: le fasce portabebè stanno conquistando tutti. Se sei alla ricerca di una fascia adatta fin dai primissimi giorni di vita, sei nel posto giusto. In questo articolo la nostra Azzurra Miotto, consulente del portare, ci parla di cosa serve ad un bimbo appena nato per stare davvero comodo e sicuro quando viene portato in una fascia o marsupio.

L’importanza del contenimento

Fino a pochissimo tempo fa stava tutto accoccolato stretto stretto nella pancia della sua mamma. Quella è la condizione che meglio riconosce, che lo fa sentire sicuro, che gli permette di rilassarsi e magari cadere in un bel sonno profondo.

La fascia deve permetterti di ‘stringere’ bene il tuo bambino a te, di contenere i suoi movimenti, di farlo sentire fasciato, sicuro, protetto.

La stoffa quindi dovrebbe permetterti di avvolgere completamente il corpo del bimbo, braccia comprese, lasciando però fuori la testa e i piedini. Attenzione: sostegno della testa e delle gambe sono sempre però fondamentali per una buona postura.

fascia portaneonato
Il contenimento è fondamentale per permettere al neonato di rilassarsi.

Qual è il miglior materiale per una fascia portaneonato?

Il materiale di cui è fatta la fascia dovrebbe essere soffice, malleabile, adattabile al delicato corpicino del neonato.

Come capire se la stoffa va bene? Prendila in mano e prova a modellarla con le dita: dovrebbe risultare cedevole e morbida. Noi consigliamo il cotone per iniziare, evitando invece tessuti tecnici più rigidi. Attenzione: la stoffa deve allo stesso tempo essere sufficientemente sostenitiva da permettere al bimbo all’interno di non ‘insaccarsi’ ma di stare bene fasciato al corpo del portatore.

fascia porta neonato
Il cotone (meglio se organico) è un ottimo materiale per portare i neonati.

L’importanza del sostegno della testolina

Nelle prime settimane di vita il bimbo non sa sostenere la testa da solo.

Se il tuo supporto non ti da la possibilità di farlo efficacemente ti ritroverai a doverlo continuamente fare tu con una mano. Ma allora non avrai davvero le mani libere, uno dei maggiori vantaggi nell’uso della fascia.

Il sostegno della testa può essere fatto in vari modi, l’importante è che il viso e soprattutto il naso del bambino siano sempre liberi e a vista, per evitare il pericolo di soffocamento.

In questo video un semplice trucco per sostenere efficacemente la testolina di un neonato portato in fascia.

Qual è la fascia ideale per un neonato?

Fascia lunga rigida: è sicuramente la più sostenitiva e anche quella che potrai usare più a lungo. Ti permette un sostegno davvero eccellente della testa e fa sentire sia te che il tuo bambino sicuri e comodi.

Fascia elastica: consigliata soprattutto per bimbi prematuri o molto piccoli. Potrai sfruttarla fino a circa 6/7 kili di peso del bimbo o fino che non inizierà a muoversi molto. Si usa sempre con la legatura ‘triplo sostegno’ che prevede tre strati di stoffa e tende a fare un po’ caldo nei mesi estivi.

Marsupio a fascia: più immediato forse nel suo utilizzo, si compone di due parti distinte. Una croce di stoffa elastica regolabile da degli anelli ai lati e uno strato da legare sopra alla schiena del bambino. Anche questo ha un utilizzo limitato nel tempo, poiché la stoffa elastica cede facilmente al peso e ai movimenti del bambino.

Autore

Sono insegnante di canto e dopo la nascita di Amalia mi sono avvicinata al mondo del portare. Sono istruttrice certificata Trageschule/UK e ho fondato La fascioteca della Chiocciola e Wrap a Hug.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.