Molti genitori ci contattano per chiederci: “Posso usare i pannolini dopo il vaccino contro il rotavirus?“. Ci siamo documentati e abbiamo raccolto le indicazioni dei pediatri che ti presentiamo in questo articolo.

Cos’è il Rotavirus

Il rotavirus è un virus che causa una potente e talvolta grave forma di gastroenterite. Si trasmette soprattutto per via oro-fecale, ovvero con la consumazione di bevande e cibi contaminati da persone che li hanno toccati con le mani non pulite.

Questo virus può portare ad una disidratazione del malato a causa dei molti liquidi persi con le scariche di diarrea. Nei casi più gravi può rendersi necessario il ricovero in ospedale per reidratare il paziente per via endovenosa.

La prevenzione di questa malattia si fa soprattutto con una attenta igienizzazione delle mani e una corretta routine del cambio pannolino, lavandosi accuratamente le mani.

Esiste un vaccino contro questo virus e proprio di questo vogliamo parlare in questo articolo.

Com’è fatto il vaccino contro il rotavirus e perché occorre fare attenzione

Il vaccino contro il rotavirus è realizzato con agenti vivi attenuati. Si somministra per bocca in 2 o 3 richiami e permette di evitare circa il 75-80% delle gastroenteriti da rotavirus, 85-95% delle infezioni severe e 95-100% delle ospedalizzazioni dovute ai rotavirus. (fonte).

Proprio perché la vaccinazione prevede la somministrazione del virus, quest’ultimo può presentarsi nelle feci del bambino in percentuale variabile e occorre prestare attenzione al cambio pannolino e alla sua igienizzazione.

close up of a doctor holding a vaccine 1024x683
Il vaccino per il rotavirus si assume per via orale, un sospiro di sollievo per bimbi che non amano le puntere 🙂

Devo usare i pannolini usa e getta dopo il vaccino contro il rotavirus?

Per prima cosa occorre dire che il virus è pericoloso soprattutto per le persone immunodepresse, o per una malattia o in cura (ad esempio durante i cicli di chemioterapia). Per precauzione queste persone non dovrebbero occuparsi del cambio pannolino dopo il vaccino contro il rotavirus.

Come abbiamo visto il vaccino, privo dell’agente patogeno, può essere presenti nelle feci, con un picco dopo sette giorni dalla prima somministrazione.


Ecco cosa dice Laura Reali, pediatra e responsabile scientifica di UPPA, la rivista italiana dei pediatri:

Sul vaccino per il Rotavirus posso dire che: dopo la vaccinazione il virus (vaccino e quindi più debole e meno infettivo di quello naturale) viene eliminato con le feci, con un picco massimo intorno al 7° giorno e soprattutto dopo la 1° dose.

Le persone che hanno stretti contatti con i bambini vaccinati di recente devono seguire una attenta igiene personale lavandosi le mani con un sapone comune dopo ogni contatto con le feci del bambino.

Per i pannolini lavabili vale lo stesso concetto: basta il normale lavaggio in lavatrice a 60° e poi il risciacquo. Il miglior effetto antisettico lo ha l’asciugatura al sole. Se poi si vuole essere supersicuri e non c’è sole sotto al quale stendere, un lavaggio con percarbonato può essere risolutivo e ben tollerato dal tessuto dei pannolini.

Laura Reali, pediatra e responsabile scientifico UPPA

Anche il dott. Rosario Cavallo, responsabile del gruppo ACP per la prevenzione della malattie infettive, insiste sui concetti che abbiamo espresso in precendenza:

Vero che il bambino elimina virus con le feci fino a 14 giorni dopo la vaccinazione (in particolare dopo prima dose). La cosa può rappresentare un problema solo in caso di convivenza con soggetti immunodepressi (per esempio un nonno in chemioterapia).

L’accortezza fondamentale è lavare le mani spesso e dopo ogni cambio, evitando i contatti con gli eventuali immunodepressi (che quindi non cambieranno mai il pannolino!). Non vale la pena alzare la temperatura di lavaggio, bene perclorato o candeggina o amuchina ma non è indispensabile il loro uso

Rosario Cavallo, responsabile del gruppo ACP per la prevenzione della malattie infettive
SO PUP 2 1024x1024
L’uso dei pannolini lavabili è assolutamente sicuro anche dopo il vaccino contro il rotavirus. In foto, un pannolino lavabile Bambino Mio.

Anche Marina Battaglioli, del Reparto Neonatologia Patologia e terapia intensiva neonatale dell’Ospedale Buzzi conviene con la temperatura di lavaggio di 60°:

Pur trattandosi di un virus attenuato, cioè non patogeno, la precauzione di lavare accuratamente la biancheria e i pannolini viene suggerita comunque: il virus potrebbe, in linea teorica, diventare patogeno per chi ha un sistema immunitario compromesso, da malattie o farmaci. Il lavaggio a 60 °C è sufficiente.

Marina Battaglioli, del Reparto Neonatologia Patologia e terapia intensiva neonatale dell’Ospedale Buzzi (fonte)

Riassumendo: cosa devo fare dopo il vaccino?

La cosa più importante in assoluto è igienizzare correttamente le mani e seguire un’attenta routine per il cambio pannolino. Abbiamo tradotto e preparato una infografica che puoi stampare e appendere vicino al fasciatoio per ricordarti tutti i passaggi corretti per un cambio pannolino in sicurezza.

Lava i tuoi pannolini a 60° e per ulteriore sicurezza aggiungi del percarbonato. Sciacqua bene e stendi al sole per un’azione igienizzante data dai raggi UV. Ti ricordiamo che anche con il cielo nuvoloso i raggi ultravioletti arrivano al tuo stendino 🙂

Noi di Ecobaby non siamo degli estremisti dei pannolini lavabili. Abbiamo visto e ti abbiamo documentato come il loro uso sia assolutamente sicuro ma pensiamo anche che la tua tranquillità sia la tranquillità del tuo bambino: se vuoi sospendere l’uso dei lavabili durante i cicli di vaccinazione per il rotavirus lo capiamo e ti invitiamo a scegliere pannolini usa e getta biodegradabili o gli appositi inserti usa e getta.

Autore

Sono l'orgoglioso papà di Mattia ed Emanuele e il felice marito di Sara. Sono anche il co-proprietario di Ecobaby. Amo la mia famiglia e il mio lavoro. Che altro potrei desiderare di più?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.