Se frequenti i supermercati Coop avrai notato che negli ultimi tempi stanno scomparendo dagli scaffali i pannolini lavabili Vivi Verde. Questo perché sono attualmente fuori produzione. Come mai questo cambio di strategia? Sgombriamo il campo dagli equivoci: siamo grandi “fan” di Coop, troviamo sia una realtà che investe molto nel rispetto ambientale. Grazie alle loro strategie produttive e di marketing, stanno facendo passare messaggi importanti ad una larga fetta di persone. Tuttavia il progetto di portare i pannolini lavabili al grande pubblico è fallito. Abbiamo provato a trovare le 5 ragioni di questo insuccesso.

1La scelta dei pannolini lavabili ha bisogno di tempo e di spiegazioni

Chi si affaccia al mondo dei pannolini lavabili spesso si trova confuso dalla varietà di marche, modelli, materiali. Per questo è importante essere guidati nella scelta. Ad esempio quando a casa Ecobaby organizziamo un incontro sul tema dei lavabili, la spiegazione non dura mai meno di un’ora. Questo tempo è impensabile che venga investito da una commessa di un supermercato che ha moltissime altre mansioni.

2Ci vuole esperienza

Altro aspetto fondamentale è l’esperienza di chi li ha usati. Per quanto formata e preparata, una commessa non può dare l’assistenza necessaria se non ha sperimentato in prima persona l’utilizzo dei pannolini lavabili.

 

3Il pannolino lavabile deve essere di qualità

Le recensioni on line, le discussioni all’interno di gruppi Facebook e forum sono concordi: i pannolini Coop erano di tipo prefold (non sai cosa significa? Ripassa il nostro dizionario dei pannolini lavabili!), avevano degli ottimi inserti assorbenti ma la cover lasciava molto a desiderare. Questo ha scoraggiato molte delle persone che li hanno provati. E giustamente aggiungiamo noi: un pannolino lavabile di qualità deve avere la stessa tenuta di un usa e getta.

4L’assistenza post vendita

Che sia di qualità o meno, il pannolino lavabile richiede alcune accortezze in più rispetto ad un usa e getta. Niente di difficoltoso, sia chiaro, ma basta un consiglio dato da chi ci è già passato per risolvere un piccolo problema di perdite o un arrossamento. Naturalmente non è possibile far affidamento ad un supermercato per questo genere di assistenza successiva all’acquisto (mentre è molto facile contattare Ecobaby 🙂 )

5I pannolini lavabili non sono un acquisto d’impulso

Usare i pannolini lavabili è alla portata di tutti. Papà, mamme, nonne, babysitter, insegnanti del nido: chiunque può imparare ad usarli, specie se sono di una tipologia simile agli usa e getta, come lo sono i pocket o gli all in one. Tuttavia occorre un minimo di informazione pre-acquisto. Occorre capire come si lavano, quanti pannolini sono necessari, come si indossano correttamente per evitare gli arrossamenti e altri piccoli trucchi per organizzare il cambio.

 

Prima di essere i titolari di uno shop on line, siamo dei genitori. E come genitori siamo sempre felici quando delle grandi realtà si spendono per la promozione dell’utilizzo dei pannolini lavabili. Ci dispiace quindi molto di non vedere più i pannolini lavabili Coop sugli scaffali, speriamo sia solo un arrivederci: ci adoperiamo ogni giorno perché in futuro a sparire siano i pannolini usa e getta.

E se sei fra chi li ha acquistati e non sai come piegare i pannolini lavabili Coop, leggi la nostra guida alle più comuni piegature.

Davide Coral
Autore

Sono l'orgoglioso papà di Mattia ed Emanuele e il felice marito di Sara. Sono anche il co-proprietario di Ecobaby. Amo la mia famiglia e il mio lavoro. Che altro potrei desiderare di più?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.